Facebook rende più intelligenti, Twitter no

Utility-Fun
news utili da rileggere e che voglio conservare
I social network sviluppano la "memoria di lavoro", ma il microblogging deprime il quoziente d'intelligenza.
facebook twitter Giocare a videogiochi di guerra, risolvere Sudoku e usare Facebook: tutte attività che fanno bene al cervello...

Alcune attività hanno un influsso benefico sullo sviluppo della memoria di lavoro: mantenere i contatti con un nugulo sterminato di amici, coi quali scambiare messaggi più lunghi di 140 caratteri, è una di queste.

 
Per inciso, i videogiochi di guerra sono egualmente benefici perché coinvolgono la tattica e la strategia, oltre che la capacità di ricordare e utilizzare le informazioni appena ricevute: "devi tenere traccia delle azioni passate e programmare quelle che stai per eseguire" ha spiegato la dottoressa.

Twitter, invece, non gode di nessuna di queste caratteristiche: "Su Twitter ricevi un flusso di informazioni infinito, ma anche molto stringato. Non devi analizzare queste informazioni, la durata dell'attenzione si riduce, il cervello non viene coinvolto e le connessioni nervose non aumentano"...

fonte: nel pieno rispetto delle regole di ripubblicazione diZeusnews.it  - oneweb20.it
me


Home Page © Valentina

0 commenti:

Posta un commento

Articoli Correlati